Climate Science Glossary

Term Lookup

Enter a term in the search box to find its definition.

Settings

Use the controls in the far right panel to increase or decrease the number of terms automatically displayed (or to completely turn that feature off).

Term Lookup

Settings


All IPCC definitions taken from Climate Change 2007: The Physical Science Basis. Working Group I Contribution to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change, Annex I, Glossary, pp. 941-954. Cambridge University Press.

Home Arguments Software Resources Comments The Consensus Project Translations About Donate

Twitter Facebook YouTube Pinterest

RSS Posts RSS Comments Email Subscribe


Climate's changed before
It's the sun
It's not bad
There is no consensus
It's cooling
Models are unreliable
Temp record is unreliable
Animals and plants can adapt
It hasn't warmed since 1998
Antarctica is gaining ice
View All Arguments...



Username
Password
Keep me logged in
New? Register here
Forgot your password?

Latest Posts

Archives

Dipende da El Niño

Che cosa dice la Scienza...

La ENSO (El Niño Southern Oscillation) evidenzia una stretta correlazione con le temperature globali nel breve termine. Non è comunque in grado di spiegare il trend del riscaldamento di lungo termine manifestatosi nei decenni passati.

Le argomentazioni degli scettici...

"Tre ricercatori di Australia ed Asia hanno mostrato in uno studio appena pubblicato sulla prestigiosa  rivista Journal of Geophysical Research che le forze naturali svolgono una influenza dominante sul Clima. Secondo questo studio una parte molto piccola o addirittura nulla  del riscaldamento globale di fine XX secolo e del raffreddamento può essere attribuita alla attività umana. La stretta relazione tra ENSO e temperatura globale, così come descritto nell’articolo, lascia poco spazio per ogni riscaldamento provocato dalle emissioni umane di anidride carbonica. I dati disponibili indicano che le temperature globali future continueranno a cambiare principalmente in relazione al ciclo ENSO , alla attività dei vulcani ed alla attività solare” (Climate Depot)

  El Niño non ha un trend e quindi non può essere responsabile del trend del riscaldamento globale


L’articolo in cui si sostiene l’esistenza di un rapporto tra riscaldamento globale e ENSO ( El Niño Southern Oscillation)  è :  Influence of the Southern Oscillation on tropospheric temperature (McLean 2009). Che cosa ha trovato la ricerca citata? Secondo uno dei suoi autori, Bob Carter,”la stretta relazione tra ENSO e temperatura globale, come descritta nella pubblicazione, lascia poco spazio alla ipotesi che il riscaldamento sia dovuto alle emissioni di CO2 da parte dell’Uomo”. In altre parole gli autori sostengono che qualsiasi forma di riscaldamento globale degli ultimi decenni può essere spiegata con la attività di El Niño.

Come giungono a questa conclusione?  Iniziano confrontando le misure satellitari della temperatura della troposfera  con la attività di El Niño. La Figura 1 riporta una media mobile di 12 mesi della GTTA (Global Tropospheric Temperature Anomaly ), linea grigia ed il SOI ( Southern Oscillation Index), linea nera.

Figura 1: media mobile di 12 mesi del SOI (linea nera) e GTTA (linea grigia) per il periodo 1980-200. I periodi delle maggiori eruzioni vulcaniche sono indicati (McLean 2009).


Il Southern Oscillation Index non presenta alcun trend di lungo termine (ecco perché si usa il termine Oscillation), mentre la temperatura mostra un andamento di lungo periodo del riscaldamento. Di conseguenza gli autori trovano una debole correlazione tra temperatura e SOI. Poi confrontano la derivata dei valori di SOI e GTTA. Fanno ciò sottraendo la media mobile di 12 mesi dalla media stessa di un anno dopo. Fanno ciò per eliminare il “rumore” dei dati. Dimenticano però di menzionare che così facendo eliminano qualsiasi trend lineare, la qual cosa è abbastanza ovvia nella aritmetica di base. E che è anche visivamente chiaro quando si confronti la derivata di SOI con la derivata di GTTA nella figura 2.

Figura 2: derivata del SOI ( linea nera) e derivata di GTTA (linea grigia) periodo 1981–2007 dopo eliminazione dei periodi di influenza dei vulcani (McLean 2009).

Il trend lineare di riscaldamento è stato eliminato dal record di temperatura, ne risulta una stretta correlazione tra la temperatura filtrata ed il SOI. Le implicazioni conseguenti da questa analisi dovrebbero essere immediate. El Niño ha un forte effetto immediato sulla temperatura globale ma non può spiegare il trend di lungo periodo. Infatti questo punto è ripetutamente trattato su questo website ( per es.  qui e  qui).
Questa visione è confermata anche da altre analisi. L’esame delle temperature del periodo 1880-2007 evidenzia che la variabilità interna del tipo di El Niño ha un impatto relativamente piccolo sul trend di lungo termine (Hoerling 2008). Invece si trova che i trends di lungo termine della temperatura superficiale del mare sono prevalentemente collegati allo squilibrio energetico del pianeta.
Numerosi sono i tentativi fatti per filtrare il segnale del ENSO dal record della temperatura. Abbiamo esaminato quello del lavoro di Fawcett 2007 quando affronta l’argomento del riscaldamento globale fermatosi nel 1998. Analogamente, Thompson 2008,  filtra il segnale di ENSO dal record di temperatura. Ciò che rimane è un trend di riscaldamento con minore variabilità:

Figura 3: records di temperatura superficiale dell’aria con il segnale di ENSO rimosso. Coorezioni dell’HadCRUT eseguite da  Thompson 2008, correzioni di GISTEMP by  Real Climate.


In definitiva tutte queste analisi di dati non dovrebbero distrarci dalla realtà fisica di quanto sta avvenendo al nostro Clima. Nei 4 decenni passati gli oceani di tutto il globo hanno accumulato calore  (Levitus 2008). El Niño Southern Oscillation è un fenomeno interno al sistema nel quale viene scambiato calore tra l’atmosfera e gli oceani e non può spiegare l’accumulo complessivo di calore di tutti gli oceani della Terra. Ciò porta a concludere che il responsabile del riscaldamento di lungo termine è lo squilibrio energetico dell’intero sistema atmosfera oceano. (Wong 2005).

Figura 4: calore complessivo degli oceani dal 1970 al 2008. La linea marcata blu rappresenta il contenuto di calore medio annuale dello strato 0-700 m , la linea di colore celeste tratteggiata indica il trend lineare (Levitus 2008).

Le analisi dei dati, le osservazioni sperimentali, e considerazioni di aritmetica di base, tutte mostrano che ENSO non può spiegare il trend di lungo periodo del riscaldamento dell’atmosfera degli ultimi decenni. Pertanto l’ironia della conclusione di Bob Carter “la stretta relazione tra temperatura globale e ENSO lascia poco spazio a qualsiasi forma di riscaldamento causato dalle emissioni dell’Uomo” sembra fuori luogo. Ciò che il suo lavoro prova in realtà è che, una volta che si elimini il trend di lungo periodo dal record di temperatura, il riscaldamento che resta è ben poca cosa.

Translation by lciattaglia, . View original English version.



The Consensus Project Website

TEXTBOOK

THE ESCALATOR

(free to republish)

THE DEBUNKING HANDBOOK

BOOK NOW AVAILABLE

The Scientific Guide to
Global Warming Skepticism

Smartphone Apps

iPhone
Android
Nokia

© Copyright 2014 John Cook
Home | Links | Translations | About Us | Contact Us