Climate Science Glossary

Term Lookup

Enter a term in the search box to find its definition.

Settings

Use the controls in the far right panel to increase or decrease the number of terms automatically displayed (or to completely turn that feature off).

Term Lookup

Settings


All IPCC definitions taken from Climate Change 2007: The Physical Science Basis. Working Group I Contribution to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change, Annex I, Glossary, pp. 941-954. Cambridge University Press.

Home Arguments Software Resources Comments The Consensus Project Translations About Donate

Twitter Facebook YouTube Pinterest

RSS Posts RSS Comments Email Subscribe


Climate's changed before
It's the sun
It's not bad
There is no consensus
It's cooling
Models are unreliable
Temp record is unreliable
Animals and plants can adapt
It hasn't warmed since 1998
Antarctica is gaining ice
View All Arguments...



Username
Password
Keep me logged in
New? Register here
Forgot your password?

Latest Posts

Archives

La IPCC non raccoglie un consenso scientifico generalizzato

Che cosa dice la Scienza...

Gli scienziati componenti dell’IPCC sono esperti nel loro campo ed hanno avuto l’incarico di rappresentare in modo trasparente le risultanze quali emergono da una completa ed aggiornata letteratura scientifica peer reviewed. Conseguentemente i rapporti della IPCC tendono ad essere cauti nelle loro conclusioni. L’impiego dei dati più recenti fa emergere che il cambiamento climatico sta avvenendo in modo più rapido ed accentuato di quanto indicato dalle precedenti previsioni della IPCC.

Le argomentazioni degli scettici...

"Indiscutibilmente l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) delle Nazioni Unite è stato costituito per costruire il caso scientifico che dimostri che l’umanità è la causa primaria  del  riscaldamento globale. Un tale obbiettivo è fondamentalmente non-scientifico, in quanto aprioristicamente ostile a qualsiasi ipotesi  alternativa circa le cause del cambiamento climatico." (Roy Spencer)
  La  IPCC ha riassunto il lavoro svolto da esperti scienziati di primordine in 3 volumi di 1000 pagine ciascuno.

Una delle accuse che vengono rivolte alla IPCC è quella di essere indotta dalla politica ad esagerare il pericolo del riscaldamento globale ed il livello di influenza sul cambiamento climatico attribuibile all’Uomo. Quando si confrontano le previsioni IPCC con i dati osservati, emerge esattamente il contrario. Per esempio la accelerazione nell’uso dei combustibili fossili in atto corrisponde al caso dello scenario peggiore possibile usato dall’IPCC nel AR4 (Copenhagen Diagnosis 2009). Conseguentemente la concentrazione di CO2 atmosferica sta aumentando ad un ritmo 10 volte più rapido di qualsiasi crescita presente nelle carote di ghiaccio negli ultimi 220mila anni

Figura 1: emissioni globali di CO2 da combustibili fossili e produzione di cemento confrontate con gli scenari di emissione IPCC. L’area colorata comprende tutti gli scenari usati dall’IPCC per predire il cambiamento climatico (Copenhagen Diagnosis 2009).

Le misure con I satelliti ed I mareografi evidenziano che il liello del mare sta salendo più di quanto previsto. La media di aumento per il periodo 1993-2008 misurata da satellite è 3.4 mm per anno, mentre il IPCC TAR (Third Assessment Report) dava una stima prevista di 1.9 mm per il periodo in oggetto. L’aumento medio attuale del livello del mare è dell’80% superiore alla previsione mediana. Si ritiene che il livello del mare entro il 2100 probabilmente salirà molto di più dei 18-59 cm indicati dall’IPCC AR4 

Figura 3: cambiamento del livello marino. I dati dei mareografi sono indicati in rosso, quelli dei rilevamenti da satellite in blu.La banda grigia è relativa alle proiezioni del Rapporto IPCC TAR (Copenhagen Diagnosis 2009).

Lo scioglimento estivo dei ghiacci marini dell’Artico è stato molto più accelerato di quanto previsto dai modelli climatici. La superficie deglaciata del mare Artico  durante il 2007-2009 è stata del 40% più estesa di quanto previsto dai modelli climatici citati dall’IPCC AR4. Lo spessore del ghiaccio marino dell’Artico è in fase di costante declino negli ultimi decenni. A partire dal 1987 lo spessore è andato diminuendo al ritmo di 57 cm per decennio.

Figura 4. Mese di Settembre: estensione del ghiaccio marino artico osservato (linea rossa) in milioni di km quadrati La estensione dei ghiacci calcolata da modello (linea nera) è la media di 13 modelli adottati da IPCC AR4, il range di variabilità dei risultati di questi 13 modelli è pure indicato. Il minimo del 2009 è stato valutato in 5.10 milioni di km quadrati, il terzo più basso nella storia recente e comunque più basso del caso del peggior scenario IPCC (Copenhagen Diagnosis 2009).

Translation by lciattaglia, . View original English version.



The Consensus Project Website

TEXTBOOK

THE ESCALATOR

(free to republish)

THE DEBUNKING HANDBOOK

BOOK NOW AVAILABLE

The Scientific Guide to
Global Warming Skepticism

Smartphone Apps

iPhone
Android
Nokia

© Copyright 2014 John Cook
Home | Links | Translations | About Us | Contact Us