Climate Science Glossary

Term Lookup

Enter a term in the search box to find its definition.

Settings

Use the controls in the far right panel to increase or decrease the number of terms automatically displayed (or to completely turn that feature off).

Term Lookup

Settings


All IPCC definitions taken from Climate Change 2007: The Physical Science Basis. Working Group I Contribution to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change, Annex I, Glossary, pp. 941-954. Cambridge University Press.

Home Arguments Software Resources Comments The Consensus Project Translations About Donate

Twitter Facebook YouTube Pinterest

RSS Posts RSS Comments Email Subscribe


Climate's changed before
It's the sun
It's not bad
There is no consensus
It's cooling
Models are unreliable
Temp record is unreliable
Animals and plants can adapt
It hasn't warmed since 1998
Antarctica is gaining ice
View All Arguments...



Username
Password
Keep me logged in
New? Register here
Forgot your password?

Latest Posts

Archives

Climate Hustle

Un'articolo fuorviante del Daily Mail pre-confutato da Nuccitelli et al. (2012)

Il quotidiano/tabloid britannico 'The Daily Mail' ed il suo scrittore David Rose sono famosi per pubblicare articoli fuorvianti sul clima (quando va bene), come abbiamo già discusso qui, per esempio. Hanno colpito di nuovo di recente, dichiarando che secondo un rapporto del Met Office ”rilasciato in silenzio”, il riscaldamento globale si è fermato 16 anni fa (un mito che Skeptikal Science smonta qui e qui). Questa asserzione è completamente falsa, come ha spiegato il Met Office pubblicando le domande di David Rose e le risposte del Met Office.

“Prima di tutto il Met Office non ha pubblicato un rapporto su questo problema. Possiamo solo presumere che l'articolo si riferisca al completamento del lavoro per aggiornare il set di dati della temperatura globale di HadCRUT4, compilato da noi e dall'Unita di Ricerca sul Clima dell'Università del East Anglia.

Abbiamo annunciato che questo lavoro era in corso a marzo ed è stato finito questa settimana. Potete vedere il sito di HadCRUT4 qui".

L'articolo di Rose è stato prevedibilmente riprodotto in modo acritico dai soliti blog negazionisti e citato da Fox News, forse nel tentativo di distrarre dal record minimo del ghiaccio marino dell'Artico di quest'anno. Tuttavia, praticamente ogni frase dell'articolo è sbagliata, come lui avrebbe saputo se fosse stato un lettore di Skeptical Science, perché abbiamo recentemente annunciato l'arrivo del suo pezzo.

Rose cerca di portare il testimone giù da una scala mobile che sale

Rose ha tentato di suscitare una dichiarazione da parte del Met Office facendo una domanda che potrebbe essere descritta in breve come “imbeccare il testimone”:

“Primo, per favore confermate che essi di fatto non rivelano alcuna tendenza al riscaldamento dal 1997”.

Il calcolatore della tendenza della temperatura di Skeptical Science  può essere usato per testare questa domanda. La tendenza nella temperatura globale di superficie nel HadCRUT4 dal 1997 è di 0.084 ± 0.152°C a decennio (anche se non abbiamo ancora aggiornato i dati di HadCRUT4, i gruppi di dati del GISS e del NSDC mostrano una tendenza al riscaldamento simile dal 1997) . Mentre la tendenza non è statisticamente significativa, il valore centrale è positivo, il che significa che la temperatura media di superficie sì è probabilmente alzata.

Il Met Office ha anche spiegato che Rose sta essenzialmente tentando di scendere da una scala mobile che sale (Figura 1) concentrandosi sul rumore a breve termine e ignorando la tendenza a lungo termine.

“Durante gli ultimi 140 anni le temperature globali di superficie sono salite di circa 0,8°C. Tuttavia, all'interno di questi dati ci sono stati diversi periodi della durata di un decennio o più, durante i quali le temperature sono salite molto lentamente o si sono abbassate. Il periodo attuale di riscaldamento ridotto non è senza precedenti e periodi della durata di 15 anni non sono inusuali”.

Figura 1: dati delle temperature di sola superficie (verde) da BEST con tendenze lineari applicate ai quadri temporali 1973-1980, 1980-1988, 19988-1995, 1995-2001, 1998-2005, 2002-2010 (blu) e 1973-2010 (rosso).

Rose e Curry ignorano il 90+% del riscaldamento globale

Forse più importante, il concentrarsi sulle temperature superficiale dell'aria impedisce di vedere più del 90% del riscaldamento generale del pianeta (Figura 2).


Figura 2: componenti del riscaldamento globale per il periodo 1993-2003 calcolati dal IPCC AR4 5.2.2.3.

Rose cita la climatologa del Georgia Tech Judith Curry (le cui dichiarazioni abbiamo esaminato in precedenza qui e qui) quando asserisce, “I nuovi dati confermano l'esistenza di una pausa nel riscaldamento globale”. Tuttavia, questa dichiarazione è semplicemente scorretta. Nuccitelli et al. (2012) hanno considerato il riscaldamento degli oceani (sia di superficie sia di profondità), della terra, dell'atmosfera e del ghiaccio ed hanno mostrato che il riscaldamento globale non ha rallentato in anni recenti (Figura 3).


Se Rose e Curry fossero lettori di Skeptical Science, avrebbero saputo diversi giorni prima della pubblicazione di questo articolo che l'affermazione che il riscaldamento globale sia “in pausa” è stata demolita da Nuccitelli et al (2012)., come mostra chiaramente la Figura 3.

Curry esagera la variabilità naturale

Rose cita la Curry anche quando dice:

“La variabilità naturale è stata mostrata avere, durante gli ultimi due decenni, una grandezza che domina l'effetto serra riscaldante”

Questa dichiarazione è ugualmente sbagliata. C'è sempre un punto nel quale, nella misura in cui si considerino quadri temporali sufficientemente brevi, un segnale a lungo termine sarà più piccolo del rumore del sistema, il che sembra essere l'argomento della Curry qui. Tuttavia, per le temperature globali di superficie, quel quadro temporale è inferiore ai due decenni specificati dalla Curry nella sua citazione.  Anche ignorando il 90+% di riscaldamento globale e considerando soltanto le temperature globali di superficie, esse si sono alzate di 0.4°C durante gli ultimi due decenni, secondo HadCRUT4. Swanson et al. (2009) hanno esaminato il ruolo della variabilità naturale sulle temperature globali di superficie ed hanno scoperto che raramente eccede i 0,2-0,3°C e la media su quadri temporali più lunghi in genere si avvicina allo zero (Figura 4).



Figura 4: Stima delle alterazioni osservate della variabilità interna nella temperatura media dalle simulazioni dei modelli climatici osservate nel ventesimo secolo.

Così la Curry sbaglia: anche su un quadro temporale breve come i due ultimi decenni, l'alterazione nella temperatura globale dovuta al riscaldamento causato dagli esseri umani è stata più grande della variabilità naturale del sistema climatico globale. E se consideriamo il riscaldamento del pianeta nel complesso (compresi gli oceani), l'alterazione di riscaldamento è molto chiaramente più ampia del rumore su questo quadro temporale, come mostra la Figura 3.

Rose attacca i modelli climatici per minimizzare il rischio climatico

Alla fine Rose tira fuori una citazione della Curry per sostenere che i modelli climatici stiano esagerando il riscaldamento globale:

“La Professoressa Judith Curry...ha detto sabato al The Mail che i modelli computerizzati usati per prevedere il riscaldamento futuro erano 'profondamente errati”

Rose e la Curry stanno cercando di sostenere questo perché le temperature globali di superficie non sono aumentate in modo così rapido quanto la media dei modelli multipli contenuta nel rapporto del IPCC (0,2°C per decennio) e che questo in qualche modo suggerisca che i modelli siano errati. Tuttavia, il Met Office ha spiegato a Rose (prima della pubblicazione del suo articolo) il perché quest'idea sia sbagliata. 

“I modelli mostrano grandi variazioni nel tasso di riscaldamento da anno ad anno e su un decennio a causa delle variazioni climatiche tipo la ENSO, l'Oscillazione Pluridecennale Atlantica e l'Oscillazione Decennale del Pacifico. Quindi, in questo senso, un tale periodo non è inaspettato. Non è raro nelle simulazioni che questi periodi durino fino a 15 anni, ma periodi più lunghi di apparente stasi sono improbabili”.

Durante l'ultimo decennio, l'emissione di aerosol (che causano il raffreddamento bloccando la luce solare) sono saliti, l'attività solare è stata bassa, c'è stata una preponderanza di eventi di tipo La Niña (che causano anche effetti a breve termine di raffreddamento della superficie) e il calore si è accumulato nell'oceano profondo. Quindi non sorprende affatto che questi effetti a breve termine, tutti orientati nella direzione del raffreddamento, in anni recenti abbiano compensato gran parte del riscaldamento della superficie causato dall'emissione di gas serra da parte degli esseri umani.  Questo risultato è infatti coerente con le elaborazioni climatiche individuali. Meehl et al. (2011) hanno mostrato che durante i “Decenni-pausa” c'è meno riscaldamento della superficie e degli oceani a poca profondità (Figura 5), esattamente come abbiamo osservato negli ultimi decenni.


Figura 5: Sinistra: tendenze globali lineari composite per i decenni pausa (barre rosse) e per tutti gli altri decenni (barre verdi) per la radiazione netta dell'atmosfera alta (TOA – Top of the Atmosphere) – i valori positivi denotano l'energia netta che entra nel sistema. Destra: tendenze decennali del contenuto di calore complessivo degli oceani (HC - Heat Content) – 1023 Joules per decennio – per lo strato alto dell'oceano (fino a 300 metri dalla superficie) e per due strati oceanici più profondi (da 300 a 750 metri e da 750 metri al fondo) con la barra di errore definita come  +/- un errore standard x1.86 per essere coerente con un 5% di livello di significatività da un T-Test per studenti di un solo lato. Da Meehl et al. (2011)

Rose sbaglia i fondamenti dell'economia

Tutte queste dichiarazioni fuorvianti portano all'ultimo argomento di rose nell'attacco alla tassazione del carbonio ed agli investimenti in energia verde. “E con il paese impegnato in un Atto Parlamentare per ridurre la CO2 del 80% entro il 2050, un progetto che costerà centinaia di miliardi (di dollari), la notizia che il mondo non si è scaldato durante gli ultimi 16 anni arriva come qualcosa di scioccante... le prove cominciano a suggerire che stia avvenendo molto più lentamente di quanto abbiano dichiarato i catastrofisti – una conclusione con enormi implicazioni politiche”.  Al contrario, la Terra si sta scaldando proprio come ci si aspettava, e la ricerca economica ha mostrato in modo coerente che mettere una tassa sulle emissioni di carbonio risulterà in un beneficio netto per l'economia (Figure 6). Tassare le emissioni di carbonio per tenere conto di costi altrimenti esterni del danno che queste causano attraverso il cambiamento climatico (aggiungerei anche attraverso l'inquinamento diffuso che provoca danni alla salute e relativi costi, ndT.) sono i 'fondamentali dell'economia'.


Figura 6: Costi approssimati dell'azione climatica (verde) e dell'inazione climatica (rosso) nel 2100 e nel 2200. Fonti: German Institute for Economic Research e Watkiss et al. 2005

Riassunto
Per riassumere, Rose e Curry hanno semplicemente sbagliato ogni affermazione fatta sull'Articolo del Daily mail.

  • Le temperature globali di superficie si sono probabilmente alzate dal 1997.
  • Concentrarsi sui cambiamenti di breve termine confonde il rumore si breve termine col segnale a lungo termine.
  • Gran parte del riscaldamento globale finisce negli oceani e, come Nuccitelli et al. (2012) hanno mostrato, il riscaldamento globale non ha rallentato.
  • La variabilità naturale è molto più piccola del segnale di riscaldamento globale a lungo termine durante i due decenni passati.
  • Il minor tasso di riscaldamento globale della superficie durante il decennio passato è coerente con le previsioni dei singoli modelli, che mostrano che questi 'decenni iato' sono perfettamente previsti.
  • Sul lungo termine, la Terra si è riscaldata quanto ci si aspettava.
  • La tassazione del carbonio risulterà essere a netto beneficio dell'economia rispetto al non far nulla e cercare di adattarsi alle conseguenze.

Leggi anche le confutazioni dell'articolo di Rose sul Daily Mail di Climate Progress, Carbon Brief, Potholer, and Media Matters.

Translation by Riccardo. View original English version.



The Consensus Project Website

THE ESCALATOR

(free to republish)

Smartphone Apps

iPhone
Android
Nokia

© Copyright 2017 John Cook
Home | Links | Translations | About Us | Contact Us