Climate Science Glossary

Term Lookup

Enter a term in the search box to find its definition.

Settings

Use the controls in the far right panel to increase or decrease the number of terms automatically displayed (or to completely turn that feature off).

Term Lookup

Settings


All IPCC definitions taken from Climate Change 2007: The Physical Science Basis. Working Group I Contribution to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change, Annex I, Glossary, pp. 941-954. Cambridge University Press.

Home Arguments Software Resources Comments The Consensus Project Translations About Donate

Twitter Facebook YouTube Pinterest

RSS Posts RSS Comments Email Subscribe


Climate's changed before
It's the sun
It's not bad
There is no consensus
It's cooling
Models are unreliable
Temp record is unreliable
Animals and plants can adapt
It hasn't warmed since 1998
Antarctica is gaining ice
View All Arguments...



Username
Password
Keep me logged in
New? Register here
Forgot your password?

Latest Posts

Archives

Climate Hustle

Dipende da cause legate a siti inadeguati

Che cosa dice la Scienza...

L’analisi dei dati aventi come oggetto il confronto dei trends di temperatura di stazioni meteorologiche situate in siti poco idonei contro altre stazioni posizionate in modo corretto, in realtà fa emergere che una tendenza al raffreddamento dei siti inidonei rispetto ai siti idonei. La tendenza al raffreddamento sembra conseguente ad un cambiamento del sistema di rilevamento delle temperature massime/minime. Situazione che si riscontra prevalentemente nei siti inidonei. Quando si tenga conto di tale anomalia strumentale resta un esigua differenza nei trends dei due tipi siti.

Le argomentazioni degli scettici...

Le stazioni meteorologiche degli U.S. sono state spesso ubicate in prossimità dei bocchettoni di uscita di condizionatori  oppure in posti circondati dall’asfalto dei parcheggi, oppure coperte con materiale che trattiene il calore, oppure vicine a marciapiedi e costruzioni che assorbono e irradiano calore. L’89% delle stazioni non risponde ai requisiti che il National Weather Service stabilisce per le proprie stazioni che debbono essere ad almeno 30 metri da qualsiasi fonte artificiale di calore sia radiante che riflettente.(Watts 2009)

  Stazioni meteorologiche ubicate in siti inadeguati in realtà mostrano un trend al raffreddamento rispetto alle stazioni ubicate in maniera ottimale. Il motivo risiede nel cambio della strumentazione usata. Quando si tenga conto di ciò la differenza tra  i trends delle stazioni diviene trascurabile.


Il sito web surfacestations.org ha arruolato una quantità di volontari i quali, viaggiando attraverso gli USA, hanno fotografato le stazioni meteorologiche. Lo scopo di questa impresa era di documentare i casi di influenza dei micrositi sulla qualità dei rilevamenti, ad esempio stazioni ubicate vicino a parcheggi, prossime a impianti di condizionamento dell’aria, superfici asfaltate aeroportuali, e qualsiasi altra situazione che possa provocare anomalo riscaldamento. Sebbene le foto parlino da sole, la sola maniera di documentare l’influenza del sito è attraverso la analisi dei dati. Ciò è stato fatto ed è riportato in  On the reliability of the U.S. Surface Temperature Record (Menne 2010), pubblicato sul Journal of Geophysical Research. I trends delle stazioni dei siti scadenti sono stati confrontati con quelli delle stazioni bene ubicate. Il risultato è che effettivamente esiste una influenza dovuta alla scadente posizione dei siti, ma l’entità della anomalia è inferiore a quanto atteso.  

Le stazioni meteorologiche sono suddivise in 2 categorie: buone (categoria 1 e 2), e cattive (categoria 3,4 e 5). Ogni giorno viene registrata la temperatura massima e minima. Tutti i dati di temperatura vengono sottoposti ad un processo di omogeneizzazione, al fine di eliminare influenze non-climatiche come lo spostamento della stazione, o il cambiamento dell’orario di rilevamento. In questo processo, vengono confrontati i dati grezzi (cioè non aggiustati) con i dati omogeneizzati. La Figura 1 mostra il confronto delle temperature non-aggiustate dei due tipi di siti (buoni-cattivi). Nel riquadro il alto (c) è indicata la temperatura massima, nel riquadro in asso (d) la temperatura minima. La linea nera indica le stazioni bene ubicate, la linea rossa quelle scadenti.  

Figura 1. Valore della media annuale delle temperature minime e massime non aggiustate usando (c ) il massimo e (d) il minimo delle temperature sia dei siti buoni che di quelli scadenti (Menne 2010).

I siti scadenti mostrano una temperatura massima inferiore a quella dei siti buoni. Nei siti buoni la temperatura minima risulta leggermente più alta che nei siti scadenti. L’effetto complessivo netto è una deviazione negativa dei siti scadenti. Considerando tutti i condizionatori, barbeque, parcheggi, aree asfaltate, il risultato è alquanto sorprendente. Perché nei siti scadenti appare un trend più fresco che nei siti buoni?
La tendenza verso il fresco si evidenzia principalmente verso metà e fine anni ’80. In questo periodo circa il 60% delle stazioni della rete degli USA è passata dall’uso dei rilevamenti in capannina tipo CRS ( nota come capannina Stevenson) alla misura elettronica della temperatura min/max MMTS con sensori posti all’esterno. Una delle conseguenze fu che, a causa della limitata lunghezza del cavo, spesso il sensore fu posizionato abbastanza vicino a edifici riscaldati, superfici pavimentate ed altre fonti artificiali di calore.
Delle indagini volte a valutare l’impatto del sistema MMTS sulle temperature misurate, hanno trovato che i sensori MMTS rilevano dei valori di massima più bassi dei corrispondenti sensori CRS, ed al contrario valori di e minima leggermente più alti (Menne 2009). Solamente il 30% dei siti buoni hanno attualmente i sensori tipo MMTS, i siti scadenti invece sono stati attrezzati con il nuovo tipo MMTS nel 75% dei casi. Si può pertanto ritenere che i sensori MMTS siano responsabili della anomalia negativa dei siti scadenti.
Quando si tenga conto di quanto dovuto al cambio CRS-MMTS e delle altre influenze come spostamento della stazione o cambiamento dell’orario, il trend dei siti buoni viene ad essere in buon accordo con quello dei siti scadenti.

 Figura 2: confronto dei valori medi annuali della rete USA: (a) temperatura massima e  (b) temperatura minima calcolate usando la versione 2 del USHCN sistema di aggiustamento. La classificazione dei siti buoni e cattivi è fatta sul criterio di  surfacestations.org.


Quest’ultima analisi dimostra che tutto il lavoro di surfacestations.org è stato una perdita di tempo? Al contrario il compito laboriosamente svolto per classificare le singole stazioni ha permesso a Menne 2010 di identificare la causa della anomalia negativa dei siti scadenti. Il ruolo di surfacestations.org viene riconosciuto nei ringraziamenti dell’articolo "grazie ad Anthony Watts ed ai molti volontari di  surfacestations.org per il loro impegno nel documentare le attuali caratteristiche delle stazioni della rete USHCN".


Una anomalia negativa della temperatura forse non era nelle aspettative dei volontari di di surfacestations.org, ma il miglioramento della qualità delle misure di temperatura al suolo che ne conseguito è un risultato che tutti noi apprezziamo.

Translation by lciattaglia, . View original English version.



Get It Here or via iBooks.


The Consensus Project Website

TEXTBOOK

THE ESCALATOR

(free to republish)

THE DEBUNKING HANDBOOK

BOOK NOW AVAILABLE

The Scientific Guide to
Global Warming Skepticism

Smartphone Apps

iPhone
Android
Nokia

© Copyright 2017 John Cook
Home | Links | Translations | About Us | Contact Us