Climate Science Glossary

Term Lookup

Enter a term in the search box to find its definition.

Settings

Use the controls in the far right panel to increase or decrease the number of terms automatically displayed (or to completely turn that feature off).

Term Lookup

Settings


All IPCC definitions taken from Climate Change 2007: The Physical Science Basis. Working Group I Contribution to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change, Annex I, Glossary, pp. 941-954. Cambridge University Press.

Home Arguments Software Resources Comments The Consensus Project Translations About Donate

Twitter Facebook YouTube Pinterest

RSS Posts RSS Comments Email Subscribe


Climate's changed before
It's the sun
It's not bad
There is no consensus
It's cooling
Models are unreliable
Temp record is unreliable
Animals and plants can adapt
It hasn't warmed since 1998
Antarctica is gaining ice
View All Arguments...



Username
Password
Keep me logged in
New? Register here
Forgot your password?

Latest Posts

Archives

Climate Hustle

I ghiacciai non si stanno sciogliendo

Che cosa dice la Scienza...

La perdita di massa dei ghiacciai si sta verificando ad un ritmo accelerato il Groenlandia, in Antartide e globalmente sui ghiacciai interni. Anche il ghiaccio marino Artico sta diminuendo velocemente. La sola eccezione è il ghiaccio marino Antartico che sta crescendo malgrado l’aumento di temperatura dell’Oceano Meridionale. Ciò è dovuto a fattori locali specifici dell’area.

Le argomentazioni degli scettici...

Grazie ad una rapida risalita negli ultimi mesi l’estensione globale dei ghiacci marini ora è pari a quella di 29 anni fa, quando nel 1979 si avvicinò a tale livello. Infatti il ritmo di incremento da Settembre in poi è il più rapido nei record sia verso l’alto che verso il basso. I dati sono stati diffusi da University of Illinois Arctic Climate Research Center, e sono dedotti da osservazioni da satellite nelle regioni polari sia dell’emisfero Nord che nell’emisfero Sud (Daily Tech).
 

La Figura 1 mostra le misure gravimetriche da satellite di ghiaccio in Groenlandia dall’Aprile 2002 al Febbraio 2009 (Velicogna 2009. La linea e le crocette blu rappresentano i valori medi mensili di massa di ghiaccio. Le crocette rosse gli stessi valori con la variabilità stagionale eliminata. La linea verde il trend del best fit quadratico.  Quest’ultimo trend mostra che la Groenlandia perde ghiaccio ad un ritmo accelerato di 30 Gt/anno2. La perdita di massa di ghiaccio in Groenlandia è raddoppiata nell’arco di 9 anni. Altre informazioni in More on Greenland...

Figura 1: serie temporale Aprile 2002-Febbraio 2009 delle variazioni di massa del ghiaccio in Groenlandia stimate attraverso il satellite  GRACE. I dati mensili grezzi son indicati con crocette blu. I dati nei quali è stato filtrata la dipendenza stagionale usando una finestra di 13 mesi sono riportati con crocette rosse. La linea verde è il best fit quadratico dei valori ottenuti. (Velicogna 2009)

La Figura 2 riporta le misure gravimetriche dei cambiamenti  di massa del ghiaccio terrestre in Antartide nel periodo Aprile 2002- Febbraio 2009 (Velicogna 2009). La linea e le crocette blu si riferiscono ai dati dei valori medi mensili non filtrati. Le crocette rosse gli stessi valori con la variabilità stagionale rimossa. La linea verde è l’andamento del  best fit quadratico. La riduzione dei ghiacci è in forma accelerata al ritmo di 26 Gt/anno2. La calotta glaciale antartica contribuisce in modo molto accentuato all’innalzamento del livello del mare. Questo contributo è continuo e rapidamente crescente.

Figura 2: Aprile 2002-Febbraio 2009, variazioni di massa dei ghiacci antartici linea e crocette blu. I dati nei quali l’andamento stagionale viene filtrato sono in rosso. Il best fit è rappresentato dalla linea verde.(Velicogna 2009).

Generalmente i ghiacciai si stanno restringendo sia come superficie che come spessore e il ritmo dello scioglimento è aumentato in modo molto accentuato da metà anni ’90. Il National Snow and Ice Data Center ha calcolato il cambiamento globale in termini di volume di ghiaccio – il risultato è che i ghiacciai stanno riducendosi ad un ritmo allarmante. More on glaciers... 


 

 

Figura3: valori delle variazioni annuali dello spessore dei ghiacciai (asse a sinistra , metri equivalenti di acqua m/yr) e valore cumulativo (asse di destra in metri), basati sulle osservazioni del bilancio di massa pesate per l’area della superficie. Sono riportate le date delle maggiori eruzioni vulcaniche, in quanto gli aerosol stratosferici hanno un effetto raffreddante sul Clima. La freccia rossa indica i valori dei cambiamenti di volume (in rosso)-  (fonte: NSIDC) .

Il riscaldamento globale ha un effetto di lungo periodo chiaramente osservato sul ghiaccio marino Artico. Infatti, sebbene i modelli climatici prevedano che il ghiaccio marino artico diminuirà in conseguenza dell’aumento dei gas serra, l’attuale ritmo di ritiro al termine della stagione del disgelo supera le previsioni dei modelli di un fattore 3 (Stroeve 2007). More on Arctic ice...

 

Figura 4: estensione del ghiaccio marino artico in Settembre (linea sottile blu), e trend di lungo termine (linea spessa blu). La estensione del ghiaccio marino è definita come superficie che racchiude aree comprese fino al bordo dei ghiacci  marini (dove la concentrazione scende sotto il 15%).

La sola eccezione a questa situazione di riduzione accelerata dei ghiacci è costituita dal ghiaccio marino dell’Antartide, dove da quando ne è cominciata la misura con satellite nel 1979, si è manifestata una tendenza di lungo periodo all’aumento. Ciò, malgrado il fatto che l’Oceano Meridionale si stia riscaldando più velocemente del resto degli oceani nel mondo. Globalmente, dal 1955 al 1995, l’oceano si è riscaldato di 0.1°C per decennio. Invece  l’Oceano Meridionale si è riscaldato di 0.17°C per decennio. Quindi l’Oceano Meridionale non solo si sta riscaldando ma lo fa  misura maggiore del trend globale.  

E allora, se l’Oceano Meridionale si riscalda, perché il ghiaccio marino antartico aumenta? Diversi fattori contribuiscono a ciò. Il buco dell’Ozono nel Polo Sud rinforza i venti ciclonici che circondano il continente antartico. I venti mettono in movimento i ghiacci , creando aree di acque libere note come polynya. La presenza di polynya provoca un aumento di produzione di ghiaccio marino. Un altro contributo deriva dalle modifiche della circolazione oceanica che provoca minore  trasporto di calore dagli strati bassi più caldi, quindi meno ghiaccio viene sciolto.

Figura 5: quadro superiore - temperatura superficiale dell’aria sulle aree coperte da ghiacci nell’Oceano meridionale. Quadro inferiore – estensione del ghiaccio marino osservata da satellite (Zhang 2007).

Translation by lciattaglia, . View original English version.



Get It Here or via iBooks.


The Consensus Project Website

TEXTBOOK

THE ESCALATOR

(free to republish)

THE DEBUNKING HANDBOOK

BOOK NOW AVAILABLE

The Scientific Guide to
Global Warming Skepticism

Smartphone Apps

iPhone
Android
Nokia

© Copyright 2017 John Cook
Home | Links | Translations | About Us | Contact Us