Climate Science Glossary

Term Lookup

Enter a term in the search box to find its definition.

Settings

Use the controls in the far right panel to increase or decrease the number of terms automatically displayed (or to completely turn that feature off).

Term Lookup

Settings


All IPCC definitions taken from Climate Change 2007: The Physical Science Basis. Working Group I Contribution to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change, Annex I, Glossary, pp. 941-954. Cambridge University Press.

Home Arguments Software Resources Comments The Consensus Project Translations About Donate

Twitter Facebook YouTube Pinterest

RSS Posts RSS Comments Email Subscribe


Climate's changed before
It's the sun
It's not bad
There is no consensus
It's cooling
Models are unreliable
Temp record is unreliable
Animals and plants can adapt
It hasn't warmed since 1998
Antarctica is gaining ice
View All Arguments...



Username
Password
Keep me logged in
New? Register here
Forgot your password?

Latest Posts

Archives

Climate Hustle

La IPCC ha sbagliato sui ghiacciai Himalaiani

Che cosa dice la Scienza...

L’errore della IPCC sulle previsioni riferite al 2035 è stato un episodio sfortunato ed è importante che simili errori siano evitati in futuro adottando un esame più rigoroso delle pubblicazioni. Ma il messaggio fondamentale dell’AR4 della IPCC è comunque confermato dalla letteratura scientifica peer reviewed. I ghiacciai Himalayani sono di vitale importanza in quanto forniscono acqua potabile a mezzo miliardo di persone. Sia i satelliti che misure il loco hanno evidenziato che i ghiacciai Himalayani stanno riducendosi ad un ritmo accelerato.

Le argomentazioni degli scettici...

" Due anni fa la IPCC ha emesso un report fondamentale nel quale affermava di aver incluso le ultime e più dettagliate ricerche sull’impatto del riscaldamento globale. Una affermazione centrale era che i ghiacciai del mondo stavano sciogliendosi così velocemente che quelli dell’Himalaya avrebbero potuto sparire entro il 2035. Nei giorni scorsi gli scienziati che stavano dietro l’allarme lanciato hanno ammesso che lo stesso era basato su una notizia del New Scientist , una rivista scientifica popolare e che era stata pubblicata 8 anni prima del report IPCC del 2007. E’ anche emerso che la notizia del New Scientist era scaturita da una breve intervista telefonica con Syed Hasnain, uno scienziato indiano semisconosciuto appartenente alla Università Jawaharlal Nehru di Delhi. Hasnain ha subito ammesso che la affermazione era basata su considerazioni di tipo speculativo e non supportata da alcuna specifica attività di ricerca. " (Times Online)

  Questa non è la prima inesattezza  presente nel IPCC Fourth Assessment Report –  esistono diversi articoli che dimostrano che le previsioni IPCC hanno sottostimato la risposta climatica alle emissioni di CO2.  In questo caso comunque la risposta climatica è stata invece sovrastimata. In particolare la IPCC AR4 ha previsto che i ghiacciai dell’Himalaya sparirebbero nel 2035, in che non sembra affatto probabile. Come si è originato l’errore? Per rispondere a questa domanda occorre prendere visione a ciò che è avvenuto in un contesto più ampio.

L’errore è situato nella sezione 10.6.2: I ghiacciai Himalaani del IPCC 4AR :
“ I ghiacciai dell’Himalaya stanno ritirandosi più velocemente che in qualsiasi altra parte del mondo. Se la attuale tendenza continua , la probabilità che possano sparire entro il 2035 o anche prima è molto alta , nel caso la Terra continui a riscaldarsi al ritmo attuale. L’area complessiva dovrebbe ridursi dagli attuali 500mila km2 a 100mila km2 entro il 2035 (WWF, 2005)”.


La fonte della informazione era “ An Overview of Glaciers, Glacier Retreat, and Subsequent Impacts in Nepal, India and China", un report del 2005 del World Wildlife Fund. Il report  WWF report naturalmente non è una pubblicazione soggetta a peer reviewing. A pagina 25, si legge:
“ Nel1999 in un  rapporto del  Working Group on Himalayan Glaciology (WGHG) of the International Commission for Snow and Ice (ICSI) si affermava : “i ghiacciai dell’Himalaya stanno ritirandosi più velocemente che in qualsiasi altra parte del mondo e, se la attuale tendenza continua, la probabilità che spariscano entro il 2035 è molto alta”. Le osservazioni dirette su un certo numero di fronti selezionati su migliaia di ghiacciai Himalayani, indicano che gli stessi sono in una condizione di generale declino da almeno 150 anni. La previsione che “ i ghiacciai della regione spariranno entro 40 anni come conseguenza del riscaldamento globale” e che il flusso dei fiumi Himalayani conseguentemente diminuirà provocando estese carenze di acqua” (New Scientist 1999; 1999, 2003) è egualmente impressionante".


Il WWF aveva tratto questa informazione da notizie del 1999 contenute nella rivista New Scientist. Anche in questo caso pubblicazione senza peer review (la rivista è un popolare periodico di divulgazione scientifica). L’articolo era basato su una intervista allo scienziato indiano Syed Hasnain, presidente del Working Group on Himalayan Glaciology, nella quale si ipotizzava che i ghiacciai Himalayani avrebbero potuto sparire entro il 2035. Questa ipotesi però non era supportata da alcuna attività formale di ricerca.
Sfortunatamente l’errore non era stato rilevato nella fase di revisione. Forse a causa del fatto che era finito nella sezione del Working Group II (che ha per focus; Impatti, Adattamenti,e Vulnerabilità a livello regionale). Non era comunque uno degli aspetti fondamentali inclusi nel Technical Summary, the Summary for Policymakers or the Synthesis Report. La previsione del 2035 non fu inclusa nel Working Group I sezione  (avente oggetto gli aspetti fisici  e con enfasi particolare alla dimensione globale) che invece è normalmente oggetto di una rigorosa procedura di revisione da parte di esperti nel campo.


La morale della storia è chiara: attenersi alla letteratura scientifica peer review. Ciò non vuol dire che la letteratura peer review sia infallibile. Ma nella scienza del Clima non esiste altro metodo di indagine più rigoroso di quello basato sui dati sperimentali, condotto da esperti scientifici e oggetto di revisione da parte di altri esperti del campo.
Ciò conduce ad una questione importante:che cosa dice la scienza peer review circa i ghiacciai Himalayani? La massa di ghiaccio dell’Himalaya è la terza sulla Terra per dimensioni, dopo l’Artico-Groenlandia, e la regione Antartica (Barnett 2005). Nell’Himalaya ci sono circa 15mila ghiacciai. Ogni estate questi ghiacciai  riversano acqua nell’Indo, Gange e Bramaputra. Circa 500 milioni di persone dipendono dall’acqua di questi 3 fiumi (Kehrwald 2008). In Cina il 23% della popolazione vive nelle regioni occcidentali dove l’acqua di scioglimeto dei ghiacciai costituisce la principale fonte di acqua nella regione secca (Barnett 2005).
Misure eseguite sul posto, relative ai fronti dei ghiacciai e sulle carote di ghiaccio, hanno evidenziato che molti ghiacciai del versante Sud della catena centrale dell’Himalaya si stanno ritirando ad un ritmo accelerato (Ren 2006). Analogamente sul ghiacciaio  Naimona'nyi si è osservata una riduzione di volume , il che è molto sorprendente essendo situato a grande altezza (è il ghiacciaio più alto almondo che sta perdendo massa) (Kehrwald 2008).
Malgrado i rilevamenti on-site coprano solo una piccola parte dell’Himalaya, una copertura molto più estesa si ottiene con remote sensing attraverso satelliti e con metodi basati sul GIS (Geographic Information System). Ciò che è emerso è che i ghiacciai della Cina occidentale si sono ritirati negli ultimi 50 anni, perdendo circa il 4.5% della superficie complessiva (Ding 2006). Questo ritiro risulta molto più accelerato sull’altopiano Tibetano (Yao 2007).


L’errore della IPCC relativo alla previsione del 2035 è stato un episodio sfortunato ed è importante che simili errori vengano evitati in futuro adottando rigorose procedure di revisione. Ma il messaggio fondamentale contenuto nel Rapporto di Sintesi, il cocumento conclusivp dell’IPCC AR4, è confermato dalla letteratura scientifica peer review. I ghiacciai Himalayani sono di vitale importanza per mezzo miliardo di persone e questa risorsa cruciale sta sparendo ad un ritmo crescente.

Translation by lciattaglia, . View original English version.



The Consensus Project Website

THE ESCALATOR

(free to republish)

Smartphone Apps

iPhone
Android
Nokia

© Copyright 2017 John Cook
Home | Links | Translations | About Us | Contact Us