Climate Science Glossary

Term Lookup

Enter a term in the search box to find its definition.

Settings

Use the controls in the far right panel to increase or decrease the number of terms automatically displayed (or to completely turn that feature off).

Term Lookup

Settings


All IPCC definitions taken from Climate Change 2007: The Physical Science Basis. Working Group I Contribution to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change, Annex I, Glossary, pp. 941-954. Cambridge University Press.

Home Arguments Software Resources Comments The Consensus Project Translations About Donate

Twitter Facebook YouTube Pinterest

RSS Posts RSS Comments Email Subscribe


Climate's changed before
It's the sun
It's not bad
There is no consensus
It's cooling
Models are unreliable
Temp record is unreliable
Animals and plants can adapt
It hasn't warmed since 1998
Antarctica is gaining ice
View All Arguments...



Username
Password
Keep me logged in
New? Register here
Forgot your password?

Latest Posts

Archives

Climate Hustle

La CO2 era molto più elevata nel tardo Ordoviciano

Che cosa dice la Scienza...

Durante il periodo Ordoviciano la attività solare era molto inferiore rispetto ai livelli attuali. Pertanto era sufficiente che la concentrazione di CO2 scendesse al di sotto delle 3000 ppm perché si potessero instaurare condizioni di glaciazione. I più recenti dati di CO2 tratti da campioni sedimentari mostrano che le concentrazioni di CO2 si abbassarono bruscamente durante il tardo Ordoviciano a causa di un marcata azione di rimozione dell’aria da parte delle rocce. In conclusione la presenza della CO2 durante l’Ordoviciano è completamente in accordo con la nozione che la CO2 è un fattore determinante per il Clima.

Le argomentazioni degli scettici...

"Con grande costernazione dei sostenitori del riscaldamento globale,si è trovato che nel periodo tardo Ordoviciano ci fu una era glaciale ed allo stesso tempo la concentrazione di CO2 era circa 12 volte la attuale, circa 4400 ppm. Secondo quanto previsto dalla teoria dell’effetto serra, la Terra avrebbe dovuto essere estremamente calda. Invece le temperature non erano siperiori alle ayyuali. E’ chiaro che altri fattori oltre l’anidride carbonica influiscono sulle temperature e sul riscaldamento globale della Terra" (Monte Hieb)

  Uno degli argomenti usati contro l’effetto di riscaldamento dovuto alla CO2  è che milioni di anni fa le concentrazioni di CO2 erano alte in periodi nei quali grandi distese di ghiaccio si formavano sui poli terrestri. Questo argomento omette di prendere in considerazione che la attività solare era anche molto bassa in tali periodi. L’effetto combinato di Sole e CO2 risulta in buona correlazione con il Clima (Royer 2006).

Un periodo che ha intrigato fino a poco tempo fa i paleoclimatologi è il tardo Ordoviciano, circa 444 milioni di anni fà. A quel tempo la CO2 era molto alta, circa 5600 ppm (le attuali concentrazioni sono attorno a 389 ppm). Comunque i ghiacciai erano ancora lungi dal manifestarsi durante il tardo Ordoviciano, ciò e avvenuto in coincidenza con uno dei maggiori episodi di estinzione di massa nella storia della Terra.Come è potuto accadere che una glaciazione avvenisse con valori così alti di CO2? Dati recenti hanno rivelato che le concentrazioni di CO2 nel periodo dell’era glaciale del tardo Ordoviciano non erano affatto così alti.


Studi anteriori del periodo Ordoviciano calcolavano le concentrazioni di CO2 ad intervalli di 10 milioni di anni. Il problema con campionamenti di dati così sparsi è che l’era glaciale dell’Ordoviciano durò solo mezzo milione di anni. Per colmare questo gap,nel 2009 uno studio ha preso in esame gli isotopi dello stronzio nei sedimenti (Young 2009). Lo stronzio viene prodotto per erosione da invecchiamento delle rocce, un processo che sottrae CO2 dall’aria. Conseguentemente il rapporto degli isotopi dello  Sr può essere usato per determinare quanto rapidamente la CO2 atmosferica è stata rimossa dalle rocce nel passato.Usando le concentraziondi Sr , Young ha determinato che durante il tardo Ordoviciano il processo di invecchiamento era in una fase molto accentuata, mentre la attività vulcanica, che immette CO2 in atmosfera, si era ridotta moltissimo. Ciò ha fatto sì che l concentrazione di CO2 scendesse sotto i 3000 ppm che era comunque abbastanza bassa per dare inizio alla glaciazione e lo sviluppo dei ghiacciai.

La settimana scorsa si è avuto notizia di uno studio guidato da  Seth Young che ha ulteriormente esaminato questo periodo estraendo sedimenti in Estonia e nell’isola di Anticosti –Canada (Young 2010). I campioni sono stati usati per costruire una sequenza di concentrazioni di 13C da rocce formatesi durante l’Ordoviciano. Questa tecnica ha rappresentato un proxy per le concentrazioni di CO2 con una risoluzione temporale molto superiore a quella dei dati usati in precedenza. Ciò che si è ottenuto è in accordo con i risultati dello Sr di Young 2009 – le concentrazioni di CO2 scesero in concomitanza con la diminuzione di temperatura e con la espansione dei ghiacci. A mano a mano che i ghiacci ricoprivano il continente il rpocesso di erosione delle rocce diminuì. Ciò portò ad un aumento della CO2 atmosferica che innescò il riscaldamento globale ed il ritiro dei ghiacci.

Pertanto l’argomento che la glaciazione dell’Ordoviciano è una prova contraria al riscaldamento dovuto alla CO2 è senza fondamento. Al contrario l’andamento della CO2 del tardo Ordoviciano è coerente con la nozione che la anidride carbonica è un fattore fortemente determinante per il Clima.

Translation by lciattaglia, . View original English version.



Get It Here or via iBooks.


The Consensus Project Website

TEXTBOOK

THE ESCALATOR

(free to republish)

THE DEBUNKING HANDBOOK

BOOK NOW AVAILABLE

The Scientific Guide to
Global Warming Skepticism

Smartphone Apps

iPhone
Android
Nokia

© Copyright 2017 John Cook
Home | Links | Translations | About Us | Contact Us