Climate Science Glossary

Term Lookup

Enter a term in the search box to find its definition.

Settings

Use the controls in the far right panel to increase or decrease the number of terms automatically displayed (or to completely turn that feature off).

Term Lookup

Settings


All IPCC definitions taken from Climate Change 2007: The Physical Science Basis. Working Group I Contribution to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change, Annex I, Glossary, pp. 941-954. Cambridge University Press.

Home Arguments Software Resources Comments The Consensus Project Translations About Donate

Twitter Facebook YouTube Pinterest

RSS Posts RSS Comments Email Subscribe


Climate's changed before
It's the sun
It's not bad
There is no consensus
It's cooling
Models are unreliable
Temp record is unreliable
Animals and plants can adapt
It hasn't warmed since 1998
Antarctica is gaining ice
View All Arguments...



Username
Password
Keep me logged in
New? Register here
Forgot your password?

Latest Posts

Archives

Climate Hustle

La Groenlandia ha perso solo un piccola parte della sua massa totale di ghiaccio

Che cosa dice la Scienza...

Diverse evidenze indicano che la riduzione dei ghiacci della Groenlandia è in crescendo e contribuirà all’aumento del livello del mare dell’ordine dei metri in qualche secolo.

Le argomentazioni degli scettici...

'La Groenlandia perde circa il 0.007% della sua massa totale di ghiaccio ogni anno…..sette millesimi dell’uno percento ogni anno, state calmi il mio cuore batte ancora ….A questo impressionante ritmo se non cesserà, ci vorranno ancora 15 mila anni.' (Willis Eschenbach)
Diverse evidenze indipendenti mostrano che complessivamente la calotta ghiacciata della Groenlandia sta riducendosi. Infatti la perdita di ghiaccio sta avvenendo in maniera accelerata. Alla luce di quanto sopra, un argomentazione che si sente è: “sta avvenendo ma non è poi cosi preoccupante. La Groenlandia perde 286 Gt di ghiaccio ogni anno? Ne restano 3 milioni di Gigatonnellate!”

Sull’articolo On Being the Wrong Size, Willis Eschenbach arguisce che la perdita di ghiaccio annuale della Groenlandia è pari al 0.007% della sua massa totale. A questo ritmo occorreranno 15 mila anni per esaurirla. Qui sotto c’è una rappresentazione visiva della perdita del 2009 rispetto al totale della massa di ghiaccio.


Il punto più importante da tenere a mente è che la perdità di ghiaccio sta accelerando. Nel 2002 la perdita era di 137 Gt l’anno (Velicogna 2009). A quel ritmo sarebbero stati necessari 22 mila anni per esaurirla. Al 2009 il ritmo è più che raddoppiato a 286 Gt/anno, ed il tempo occorrente all’esaurimento è sceso a 10500 anni. Mano a mano che la velocità aumenta il tempo di vita della calotta ghiacciata si riduce.
Pertanto la questione cruciale è: quale sarà il comportamento della calotta ghiacciata della Groenlandia nel futuro? Esistono diverse maniere di approcciare il problema. Un metodo consiste nello studiare la fisica del movimento dei ghiacciai. Un articolo calcola la dinamica dei ghiacciai facendo riferimento alla topografia della Groenlandia, l’area trasversale dei suoi ghiacciai e se il letto roccioso si trova o meno sotto il livello del mare (Pfeffer 2008). Lo studio stima la crescita del livello marino tra 80 cm e 2 metri entro il 2100, includendovi sia Groenlandia che Antartide.
Una ricerca che adotta una tecnica semi-empirica mira a vedere come il,livello del mare e la temperatura globale sono cambiati in passato (Vermeer 2009). Il cambiamento del livello del mare può essere espresso in funzione della temperatura e le temperature previste globali possono essere usate per simulare tramite modello i livelli futuri del livello del mare. Con questo metodo si ottengono risultati di innalzamento del livello globale del mare tra 75 cm e 180 cm entro il 2100.
Il modello climatico nel caso della Groenlandia prevede che la calotta ghiacciata probabilmente collasserà se la concentrazione di CO2 dovesse superare i 400 ppm. Attualmente siamo attorno a 387 ppm. A 400 ppm il modello indica che la calotta nei prossimi 400 anni si ridurrà del 20-41% in volume (Stone 2010). Ciò equivale all’incirca a 1.4-2.8 metri  di aumento del livello del mare solo a causa della Groenlandia.
Infine è possibile apprendere molto dal come si sono comportati i ghiacci di Groenlandia guardando ai cambiamenti di livello del mare del passato.Nel caso dello scenario più ottimistico la IPCC prevede un aumento di temperatura di 1-2°C. L’ultima volta che un aumento del genere si verificò fu 125000 anni fa. A quel tempo il livello marino era di 6 metri superiore all’attuale (Kopp 2009). Ciò ci indica che le calotte ghiacciate di Groenlandia ed Antartide sono molto sensibili a temperature più alte e protratte nel tempo, e che è molto probabile che l’innalzamento del livello marino si misurerà in metri nei prossimi secoli.
La gran quantità di ghiaccio che ancora rimane sulla calotta della Groenlandia deve servire a ricordare il contributo potenziale ad un innalzamento significativo nel futuro del livello marino. Tutte le linee di ricerca, riportate dalla letteratura peer review, sia del tipo sperimentale che modellistico, danno un quadro simile. La calotta della Groenlandia è assai sensibile alle temperature crescenti ed è probabile che il suo contributo all’innalzamento del livello marino sarà dell’ordine dei metri entro qualche secolo.   

 


 
 
 

Translation by lciattaglia, . View original English version.



Get It Here or via iBooks.


The Consensus Project Website

TEXTBOOK

THE ESCALATOR

(free to republish)

THE DEBUNKING HANDBOOK

BOOK NOW AVAILABLE

The Scientific Guide to
Global Warming Skepticism

Smartphone Apps

iPhone
Android
Nokia

© Copyright 2017 John Cook
Home | Links | Translations | About Us | Contact Us