Climate Science Glossary

Term Lookup

Enter a term in the search box to find its definition.

Settings

Use the controls in the far right panel to increase or decrease the number of terms automatically displayed (or to completely turn that feature off).

Term Lookup

Settings


All IPCC definitions taken from Climate Change 2007: The Physical Science Basis. Working Group I Contribution to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change, Annex I, Glossary, pp. 941-954. Cambridge University Press.

Home Arguments Software Resources Comments The Consensus Project Translations About Donate

Twitter Facebook YouTube Pinterest

RSS Posts RSS Comments Email Subscribe


Climate's changed before
It's the sun
It's not bad
There is no consensus
It's cooling
Models are unreliable
Temp record is unreliable
Animals and plants can adapt
It hasn't warmed since 1998
Antarctica is gaining ice
View All Arguments...



Username
Password
Keep me logged in
New? Register here
Forgot your password?

Latest Posts

Archives

Climate Hustle

Marte si sta riscaldando

Che cosa dice la Scienza...

Il clima di Marte sostanzialmente è condizionato dalle polveri e dall’albedo, d’altra parte esiste una scarsa evidenza che Marte si stia scaldando nel lungo periodo.

Le argomentazioni degli scettici...

"Gli scienziati ci stanno dicendo che Marte sta sperimentando il proprio riscaldamento planetario. La NASA dice che la calotta di ghiaccio del polo sud marziano si sta disintegrando durante tre estati consecutive. Forse Marte ha preso la febbre dalla Terra. Se è così anche Giove ha preso la stessa influenza perché si sta scaldando anche lui, così come Plutone. Mi chiedo se tutti questi pianeti, pianeti nani e lune del nostro sistema solare hanno in comune una Hmmmmm solare ? (Fred Thompson).

La prima evidenza sperimentale di un riscaldamento globale di lungo periodo su Marte è dovuta a Fenton 2007. Fenton ha confrontato un insieme di immagini di Marte del 1977 prese dalla sonda Voyager con quelle prese nel 1999 da Mars Global Surveyor (vedi  Geissler 2005). Gli scatti del 1977 mostravano un pianeta più brillante. Nel 1999 Marte aveva un albedo più basso, con prevalenza di zone più scure nelle regioni meridionali ad alte e medie latitudini. Basandosi sui cambiamenti di albedo, Fenton ha calcolato tramite un modello di circolazione generale, un trend di riscaldamento generale di 0.65°C nei 22 anni

Figure 1: istantanee di Marte 1977 (sopra) e del 1999 (sotto). Foto, cortesia di Geissler 2005.


Fenton attribuì il riscaldamento alla polvere in superficie che avrebbe causato una modificazione dell’albedo del pianeta. Secondo Kahn (1992) la polvere di Marte ha un ruolo rilevante nel clima del pianeta. Le variazioni solari non sono i fattori determinanti del clima di Marte. Comunque una questione importante resta: sono corrette le interpretazioni del riscaldamento globale di lungo periodo di Marte?


Una visione a più ampio raggio del cambiamento climatico di Marte


Per porre questi risultati in una prospettiva appropriata è necessario capire cosa regola il Clima di Marte. Le grosse tempeste di sabbia aumentano l’albedo della superficie creando distese di sabbia più brillante sulle superfici scure. Dopo circa un anno dalla tempesta di sabbia la polvere viene rimossa da dai venti e si torna ad un normale albedo inferiore. Le riprese del 1977 erano state fatte dopo che una tempesta globale aveva deposto polvere alle latitudini meridionali rendendo più luminosa la superficie del pianeta. Prima dell’episodio il pianeta aveva un albedo paragonabile a quello di misurazioni recenti (Szwast 2006). Fenton trasse conclusioni circa i cambiamenti del Clima di lungo periodo confrontando 2 momenti. Cioè ha fatto il classico errore di quanti scambiano il Tempo con il Clima (argomento analogo a quello trattato in global cooling argument). Quando invece si esaminano dati su una base temporale più estesa non si distingue alcun trend di lungo periodo  dell’albedo di Marte.:

Figura 2: confronto dei dati relativi aii due punti di Fenton 2007 ( a sinistra), con un set completo di dati (cortesia di Mark Richardson) a destra..


L’apparente riscaldamento di lungo termine tra gli anni ’70 e ’90 è largamente una conseguenza del tempo intercorso tra le due riprese. Il più “brillante” scatto del 1977 fu fatto dopo una tempesta globale di sabbia e quindi il pianeta risultava temporaneamente più luminoso. Lo scatto più scuro del 1999 fu fatto quando il pianeta aveva riassunto il normale stato. Non esiste una evidenza che Marte sia soggetto ad un riscaldamento globale su scala decennale. Infatti nel 2001 seguente, dopo una nuova tempesta di sabbia globale, l’emisfero meridionale era ancora più brillante del 1977 (Szwast 2006).


Conclusione


La evidenze sperimentali non possono essere conclusive sul fatto che il riscaldamento globale avvenga o meno su Marte. Comunque la risposta al quesito se il Sole stia provocando il riscaldamento globale della Terra è che esiste una grande messe di dati sulla attività solare, che molti lavori sono stati fatti su questi dati e che la conclusione è che la correlazione tra Sole e Clima della Terra ha avuto termine negli anni ’70 quando il trend del riscaldamento globale è ripreso. Pertanto l’argomento che il riscaldamento di Marte confuta la origine umana del riscaldamento terrestre cade su due punti: esiste una scarsa evidenza sperimentale che Marte si stia scaldando, il Clima di Marte è principalmente determinato dall’albedo e non dalle variazioni della attività solare.  

Translation by lciattaglia, . View original English version.



The Consensus Project Website

THE ESCALATOR

(free to republish)

Smartphone Apps

iPhone
Android
Nokia

© Copyright 2017 John Cook
Home | Links | Translations | About Us | Contact Us